"Riassumendo: è stato bellissimo"

sophia1

Gemeinsam mit dem Schüler Alex Beato vom Gymnasium Vogelweide Bozen (im Bild vorne) wurde Sophia Crivellaro (Zweite von rechts) von der 2 C-WM als Landesmeisterin zur großen Prämierung der Italienisch-Olympiade nach  Rom eingelanden. Begleitet von Prof. Marina Fiorentini (rechts) machte sich die Schülerin aus Branzoll auf die Reise in die ewige Stadt. Dort gab es neben der Siegerehrung auch viel Gelegenheit, einige der großen Sehenswürdigkeiten der italienischen Hauptstadt zu besichtigen. Im Bild die Südtiroler Delegation bei der Feier in Rom.

 

“Ma tanto quest’anno non vincerò nulla”. Proprio queste parole mi passavano per la testa il 29 maggio durante la premiazione della finale provinciale delle Olimpiadi di Italiano L2 a Bressanone. Invece, ecco che la referente provinciale mi chiama e in quel momento mi era chiaro, che quest’anno sarei stata io ad andare a Roma per partecipare alla finale nazionale.

La mattina del 2 maggio la Prof. Fiorentini, il ragazzo che è arrivato primo nella categoria del triennio, la sua Prof, la referente provinciale, un'altra professoressa che si occupa delle Olimpiadi L2 (che, tra l’altro, è anche stata la mia Prof. di Italiano in terza media) ed io (Sophia Crivellaro) siamo partiti per Roma, per partecipare alla premiazione della finale nazionale delle Olimpiadi di Italiano. Appena scesi dal treno, ci siamo subito avviati verso l’albergo, che non era proprio in centro, e dopo un bel po’ di disguidi abbiamo finalmente ricevuto le nostre camere.

Il pomeriggio, poi, siamo andati a fare un giro in città, perché si sa, Roma è sempre bella. La sera poi siamo ritornati in albergo e, dopo essere riusciti a capire il programma del giorno successivo, sono ritornata in camera con le due ragazze che alloggiavano nella mia stessa stanza. L’altro ragazzo dell’Alto Adige il giorno dopo ha raccontato che in camera hanno parlato di cultura e dell’Italiano.

Devo dire la verità, stare in camera con altre ragazze che, naturalmente non sapevano il tedesco, è stato molto divertente. Infatti, ci siamo divertite a dire parole in dialetto difficili da pronunciare per una persona di madrelingua italiana. Tra queste parole è anche stata nominate “Oachkatzlschwoaf” (coda dello scoiattolo). Devo dire che le altre due mi hanno guardato in modo un po’ perplesso, ma alla fine abbiamo riso tutte e tre.

Il giorno del 3 maggio si è tenuta la premiazione. Ci hanno portati al “Liceo Mamiani” di Roma e dopo che tutti i partecipanti sono arrivati o si sono collegati via Zoom, è cominciata la premiazione. Fatti tutti i ringraziamenti del caso, e i ringraziamenti sono stati tanti, sono passati alla premiazione vera e propria.

Durante la prova effettiva del 20 aprile, c’è stato un errore tecnico, per via del quale la prima prova che mi è stata data, era quella del triennio. Infatti, a me era sembrata molto difficile, ma sono andata avanti tenendo presente, che comunque quella sarebbe stata la prova nazionale, quindi destinata a studenti di madrelingua italiana. Però, dopo due ore, i coordinatori hanno comunicato a me e ad altri ragazzi (circa dieci in tutto), che la nostra prova era quella del triennio e non del biennio. Alcuni sono andati avanti con quella del triennio, ma io, non essendo di madrelingua italiana, ho deciso di ricominciare la prova del biennio. Quindi dopo sei ore totali da sola nell’EDV e un filo di arrabbiatura per l’inconveniente, ho finalmente consegnato. Naturalmente, essendomi dovuta concentrare così tanto durante la prima prova, nella seconda, non sono più riuscita a dare quello che avrei voluto, ma è l’esperienza che conta.

Quindi, noi durante la premiazione non ci aspettavamo nulla, infatti non abbiamo vinto niente, né io né il ragazzo del triennio. Il premio aggiuntivo che avrebbero potuto conferirci sarebbe stato il riconoscimento per “il gruppo più numeroso” grazie alla presenza delle nostre docenti. Alcuni partecipanti si sono presentati senza accompagnatori. Proprio per questo mi sono sentita privilegiata a viaggiare con un gruppo così numeroso.

Quindi, dopo la premiazione, siamo stati a fare una visita guidata ai Fori imperiali e al Colosseo. La nostra visita si è conclusa in anticipo, per via del treno che dovevamo prendere per ritornare a Bolzano. La sera alle 22 siamo ritornati sani e salvi alla stazione di Bolzano, dove poi il nostro viaggio si è concluso.

All’inizio non mi convinceva troppo l’idea di partecipare alle Olimpiadi di Italiano, soprattutto perché sapevo benissimo che avrebbero partecipato anche studenti di madrelingua italiana. A dire la verità ci sono capitata per caso, per “colpa” della mia ex Prof. di Italiano delle medie. Alla fine, però è riuscita a convincermi e a quanto pare non ha avuto tutti i torti. Il mio consiglio personale per chi volesse partecipare ad un concorso del genere è semplice: provateci.

Riassumendo: è stato bellissimo.

Sophia Crivellaro, 2 C-WM

 

sophia2

 

sophia4

 

sophia3

Anschrift

WFO - Heinrich Kunter
Guntschnastr. 1 - 39100 Bozen
Tel 0471 281054
Außensitz: Cadornastr. 12a
Tel 0471 261065
os-wfo.bozen@schule.suedtirol.it
wfo.bozen@pec.prov.bz.it
Steuernr. 8000 244 0214
CUU: UFWMKM

Öffnungszeiten Sekretariat:
MO - FR:  8:00 - 10:45 Uhr
an Schultagen: 14:30 - 16:00 Uhr

Schüler/innen helfen Schüler/innen

Plattform für Nachhilfeangebot von WFO-Schüler/innen
Link: Schüler/innen helfen Schüler/innen

info13

Prep centre logo CMYK

Follow us on

joomla social share plugin

Freie Stellen und Supplenzstellen

Kriterien der Schulführungskraft für die Direktvergabe von freien Stellen und Supplenzstellen: Link

Bewerbung für eine Supplenzstelle

Sie möchten an unserer Schule unterrichten? Bitte tragen Sie sich hier ein: www.blikk.it/supplenz

NEU! Präsentationsvideo WFO.bz

Zentrum für Information und Beratung - ZIB

zib

Unser ZIB bietet Information und Beratung zu verschiedenen Themen. Weitere Informationen.

Logo ProLinguaE farbe rgb

 

Erasmus ELLEu

DE Finanziert von der Europäischen Union POS

 

PNRR - Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

PNRR

 

Wir nutzen Cookies auf unserer Website. Einige von ihnen sind essenziell für den Betrieb der Seite, während andere uns helfen, diese Website und die Nutzererfahrung zu verbessern (Tracking Cookies). Sie können selbst entscheiden, ob Sie die Cookies zulassen möchten. Bitte beachten Sie, dass bei einer Ablehnung womöglich nicht mehr alle Funktionalitäten der Seite zur Verfügung stehen.